London Breakfasts

 

At The Haberdashery, in Crouch End. According to Time Out is one of the 7 Best Breakfasts in North London.  I couldn’t miss it, could I?

Screen Shot 2014-07-05 at 17.20.44

 

At The Breakfast Club in Angel. I believe the picture says it all.

Screen Shot 2014-07-05 at 17.18.47

 

And of course, at my place. Black coffee and the unmissable Italian biscuits “Pan di Stelle”.

Screen Shot 2014-07-05 at 17.19.55

Non ci serve la domenica

– Vorrei essere a New York ogni domenica mattina. O meglio, vorrei essere a New York e avere la mattinata libera.

E’ l’ultimo mercoledì prima del ritorno e il tirocinio si è ormai concluso. Isabella ed io passeggiamo lungo la 34esima strada alla ricerca degli ultimi regali quando veniamo colte dai morsi della fame. In zona Macy’s non c’è gran ché per il brunch, allora ci dirigiamo nella nostra zona preferita: il village.
Ormai da tempo non abbiamo nemmeno bisogno di utilizzare Yelp! Basta girare per la zona e ad occhio siamo in grado di trovare un posto in grado di soddisfare le nostre aspettative (non che siano poi così alte)!

Passeggiando su Grove Street diamo un’occhiata rapida ai menu esposti all’esterno dei vari locali finché non ci imbattiamo in un piccolo caffè che sembra fare al caso nostro. Decidiamo che ci piace ed entriamo al Café Angelique.

Una delle prime cose che si nota nei posti dove si fa il brunch è che l’arredamento e lo stile sono sempre estremamente europei. E’ curioso come tali locali vogliano echeggiare il café parisienne piuttosto che il bar all’italiana ed il dolce far nulla. Peccato che il brunch non sia affatto europeo: avete mai sentito parlare del brunch a Venezia? Che ci fa una raffigurazione di una gondola in un locale del Greenwich Village? Non ci interessa, a noi piace così.

Decidiamo finalmente di ordinare e, senza troppe esitazioni, ci buttiamo su waffles e mini pancakes, accompagnati da un gustoso succo d’arancia.

Come al solito Isa ed io finiamo di mangiare e ci guardiamo soddisfatte chiedendoci perché non avessimo scoperto quel posto molto prima. Poi arriva la cameriera con il conto: forse per la prima volta abbiamo lasciato più del 10% di mancia!

Diversamente da molti posti che si limitano a servire il brunch solo il sabato e la domenica e alla fascia oraria che va indicativamente dalle 12.00 alle 16.00, il Café Angelique serve il brunch tutti i giorni e per tutto il giorno! Non è meraviglioso?

Cafè Angelique
49, Grove Street
10014 New York
(212) 414-1400

Peccato di gola

La prima regola del buon viaggiatore è quella di rispettare le tradizioni del luogo, se poi si tratta di mangiare io mi adeguo in fretta.
Così ho imparato che in Egitto si beve il kakradè, che in Salento si mangia la frisedda, a Strasburgo la tarte flambée mentre in Inghilterra va alla grande lo stir fry.

New York è per definizione il Melting Pot, una sorta di enorme pentola di tutte le culture (ovviamente anche culinarie!), per cui non c’è niente di meglio che provare tutti i ristoranti e scoprire le peculiarità di ogni cucina.
Questo già è un motivo per amare questa città, la sua capacità di offrire tutto ciò che si desidera. Ma c’è una cosa che amo ancora più di New York, qualcosa che mi mancherà follemente quando tornerò in Italia: il brunch della domenica.

Non è una colazione. Non è un pranzo. E’ semplicemente un momento di felicità.

Il menù varia moltissimo. Si può mangiare dolce o salato, si può bere un cappuccio, un succo di frutta o un cocktail. Inizia verso mezzogiorno e continua fino alle 4 nella maggior parte dei locali.
La scorsa domenica ho scoperto un locale spagnolo nella mia zona che fa un brunch… delizioso!
Si chiama Yuca Bar e si trova ai margini di Alphabet City. Quando io e Isa arriviamo c’è già la coda per sedersi, chiediamo al ragazzo all’ingresso quanto dobbiamo aspettare per sederci fuori (perché nonostante sia Novembre, domenica c’erano 16°C). Tempo di attesa 20 minuti: ne approfitto per scattare qualche foto, per fare Check-in su Foursquare e per scoprire che questo locale è consigliato anche da Zagat.

Finalmente entriamo. E riusciamo dalla porta che conduce alla zona con i tavolini all’aperto.
Io e Isa siamo già felici, non c’è modo di essere infelici quando è l’ora del brunch!
Io ordino Chocolate Chips Pancackes mentre Isa ordina qualcosa dal nome spagnolo che al momento mi sfugge, ma che fondamentalmente include: french toast, salmone, uova e contorno di patate.
La sottoscritta ed Isabella confermano che i piatti in foto non sono solo belli da vedere.

Yuca Bar
111 Avenue A
New York 10009
(212) 982-9533
http://www.yucabarnyc.com/